Pioneers of Multiculturalism – The Italian journey in Australia

New Italy

The earliest arrivals of Italians in Australia were limited in number, comprising explorers, missionaries, and a small number of labour migrants. In 1881, 217 immigrants from Veneto and Fruili arrived as refugees in Australia after a failed attempt to set up a new colony in the Pacific Islands. Threatened by the development of non-English speaking immigrant ghettos, the government hired out the families to English-speaking employers at a salary of £30 for 12 months. Nonetheless, the Italian bond triumphed, and by 1882, the majority of the refugees had reconvened and formed Australia’s first Italian group settlement known as “New Italy” (now Woodburn) along the Richmond River in northern New South Wales.

 

“The earliest arrivals of Italians in Australia were limited in number, comprising explorers, missionaries, and a small number of labour migrants. In 1881, 217 immigrants from Veneto and Fruili arrived as refugees in Australia after a failed attempt to set up a new colony in the Pacific Islands”

 

 

Initially called “La Cella Venezia,” the community thrived on land dismissed by British colonists as barren and unproductive. In 1891, based on the impressive farming skills shown by the New Italy community, the Queensland government agreed to assisted passages from Italy to help with the labour shortage in the sugar cane industry. However, the government insisted on “whiter” Italians from north of Livorno to ensure they would more easily assimilate with the predominantly white Australian community. Even then, the 300 Piedmontese, Lombards and Veneti were the government’s last option, after attempts to recruit “fairer” British, German and Scandinavian immigrants failed. Coupled with immigrants lured by the gold rushes of Victoria and Western Australia in the 1850s and 1890s, an Italian presence started to sprout across Australia, largely in the mining and sugar cane industries. At the same time, resentment towards Italians began to rise, with many Australians threatened by the Italians’ willingness to work harder for lower pay. 

New Italy Community c1917. Courtesy of the New Italy Museum Inc. 

America and Canada close shop

For many Italians fleeing their homeland in search of better opportunities after the First World War, the immigration restrictions imposed by the United States and Canada propelled them to the Land Down Under. 

America had severely restricted its intake of Italian immigrants and Canada’s new Immigration Act of 1919 refused immigrants from Italy as a WWI enemy. Australia’s need for workers prevented such extreme immigration restrictions. However, the government limited Italian migration to 2% of “white” English-speaking arrivals to appease public discontent and pacify concerns that Italians would undermine the Anglo-Australian character of the population. While the Australian Census of 1921 recorded 8,135 Italians residing in the country, by 1930 another 30,000 had arrived. Between 1922 and 1930, 84% of Italian immigrants were men. In the years from 1931 and 1940, the proportion of female Italian migrants surged to 43% with many wives, girlfriends, mothers and sisters joining their families. The strong farming skills of many Italians led two-thirds to settle in rural Australia, working in agriculture, mining and railway-building projects. The remaining worked in the construction, food and garment industries in urban areas, with over half being self-employed. Nonetheless, the Australian community maintained a perception of the cultural inferiority of Italians as peasants who led primitive lifestyles. Continued hostilities towards the large number of Italian arrivals fuelled both the Fascist movement in Australia and the social segregation of Italians, which in turn encouraged further prejudice. Consequently, with the outbreak of the Second World War, over 4,700 Italians were interned across Australia as a threat to national security, with the largest number in Queensland followed by Western Australia.

Populate or perish

The near invasion of Australia by Japan during the Second World War exposed the vulnerability of Australia’s defense and saw a major shift in policy from restricting migration to the “populate or perish” catch cry. Australia’s need for population growth and a lack of preferred immigrants from northern Europe encouraged the resumption of diplomatic relations with Italy and the consideration of Italian migrants. According to Baldassar, “post-war emigration was to be the major and most significant role Australia played in the history of the wider Italian diaspora.” Italy became the major single source country of non-British migrants to Australia. In particular, the introduction of the 1951 bilateral accord of the Assisted Migration Scheme facilitated huge numbers of Italian migration to Australia. Between 1951 and 1968, around 42,000 Italians arrived under this accord on the condition that they took whatever work and accommodation was offered for a period of two years. The Assisted Migration Scheme, along with migration through family chains, saw the Italian-born population of Australia rise from 33,632 in 1947 to 120,000 in 1954. The population further expanded to 228,000 by 1961, reaching a peak of 289,476 by 1971. Unlike earlier periods of migration, the majority of post-war immigrants came from the southern parts of Italy including Sicily, Calabria, Abruzzo and Campania. As a result of this mass migration, Italian immigrants began to have a significant influence on Australian culture. A change in government in the 1970s saw a shift in immigration policies, embracing the idea of a multicultural Australia and finally recognizing the positive contribution of Italians to Australian society.

Source: Australian Brureau of Statistics, 2011 Census. 

“Immigration: Federation to Century’s End 1901–2000” (PDF (64 PAGES)). Department of Immigration and Multicultural Affairs. October 2001. 

The new Italian boom

With almost 1 million Australians of Italian descent, Italians continue to represent the largest ancestry group in Australia apart from the UK, totalling 4.6% of the entire Australian population. While the large majority of Italian-born Australians live between New South Wales and Victoria (68.8%), significant numbers can also be found across South Australia, Western Australia and Queensland. More recently, the European economic crisis and downturn in the Italian economy is inspiring a new influx of Italians to Australia. From 2012-2013, more than 20,000 Italians arrived in Australia, exceeding the number of Italians that arrived in 1950-1951 during the post-Second World War boom. From 2012-2013, almost 16,000 “working holiday” visas were issued to Italian citizens between the ages of 18 and 30, up 66% from the previous year.

 

Mr and Mrs G. Fin. at the arrival of the Italian president Saragat at Sydney’s Mascot Airport, NSW 1967. Courtesy of the Fin family. 

Antonio Caroli, from Italy’s Puglia region, moved to Australia on his 12-month working holiday visa in 2011 and again in 2014. “For many young Italians, there’s a belief that you cannot dictate your own future in Italy. We grow up with the idea of the “raccomandazione,” poorly paid jobs and the impossibility for young couples to marry and buy a house,” he explains. “There’s this idea that Australia is a place where you can find a job and get rich and have a good life.” Whereas once the Australian government was forced to open its doors to immigrants to survive, the tables have turned dramatically. With Australia now widely recognized as a place of opportunity and economic stability, many from both Italy and across the world dream of immigrating to the Land Down Under. “It’s hard to get an employer to sponsor you to stay in Australia and Australian citizenship is practically impossible,” says Caroli, who has since returned to Italy. However, for the many Italian pioneers who persevered through the early hardships of Australian life, the gamble seems to have paid off.

Pionieri del multiculturalismo – Il viaggio degli italiani in Australia

 

A cura di Maggie Abou-Rizk

Sebbene meglio riconosciuti per il loro contributo in cucina e nella moda, il lascito degli immigrati all’Australia è decisamente più profondo. Secondo la professoressa Loretta Baldassar, esperta di emigrazione italiano in Australia, “gli italiani hanno letteralmente cambiato il colore dell’Australia. Poiché erano grandi lavoratori ed in genere buoni cittadini, hanno reso il passaggio dall’assimilazione al multiculturalismo più fattibile”. Rappresentando il numero più alto di immigrati non britannici in Australia, i neoarrivati italiani superarorono un’ostilità e un pregiudizio continui in quanto “non bianchi” fino a diventare i veri pionieri del multiculturalismo australiano.  

La nuova Italia 

I primi arrivi di italiani in Australia furono in numero circoscritto e inclusero esploratori, missionari e un modesto numero di immigrati lavoratori. Nel 1881, 217 immigrati dal Veneto e dal Friuli arrivarono come rifiugiati in Australia dopo un tentativo fallito di metter su una nuova colonia nelle isole del Pacifico. Minacciato dallo sviluppo di ghetti di immigrati che non parlavano inglese, il governo fece assumere le famiglie a datori di lavoro che parlavano inglese al prezzo di 30 sterline per 12 mesi. Ciononostante, il legame italiano prevalse e, per il 1882, la maggioranza dei rifugiati si era riunita formando il primo insediamento di italiani noto come “Nuova Italia” (oggi Woodburn) lungo il fiume Richmond, nel nord del Nuovo Galles del Sud.  Chiamata inizialmente “La Cella Venezia”, la comunità prosperò in una terra abbandonata dai coloni britannici in quanto brulla e non fertile. Nel 1891, grazie alle notevoli abilità agrarie mostrate dalla comunità di Nuova Italia, il governo del Queensland acconsentì all’immigrazione assistita dall’Italia per superare la carenza di manodopera nel settore della canna da zucchero. Tuttavia, il governo insistette per gli italiani “più bianchi” delle aree a nord di Livorno per essere sicuro che si integrassero più facilmente nella comunità australiana prevalentemente bianca. Anche in quel caso, i 300 piemontesi, lombardi e veneti furono l’ultima scelta per il governo, dopo che erano falliti i tentativi di recrutare immigrati britannici, tedeschi e scandinavi “più chiari”. Assieme ad immigrati attratti dalla corsa all’oro di Victoria e dell’Australia occidentale del 1850 e del 1890, la presenza italiana cominciò a fiorire in tutta l’Australia, prevalentemente nell’industria mineraria e della canna da zucchero. Nello stesso tempo, cominciò a nascere un risentimento verso gli italiani, da parte di molti australiani minacciati dalla volontà degli italiani di lavorare di più con una paga inferiore.

Porte blindate per America e Canada

Per molti italiani in fuga dalla loro patria alla ricerca di migliori opportunità dopo la Seconda guerra mondiale, le restrizioni imposte all’immigrazione dagli Stati Uniti e dal Canada, li spinsero verso la terra australiana. L’America aveva drasticamente ridotto la propria accoglienza agli immigrati italiani e l’Immigration Act canadese del 1919 rifiutò gli immigrati dall’Italia in quanto nemica durante la Prima guerra mondiale. Il bisogno di manodopera dell’Australia evitò tali restrizioni estreme riguardo all’immigrazione. Tuttavia, il governo limitò l’emigrazione italiana al 2% degli arrivi di “bianchi” anglofoni per placare il malcontento pubblico e sedare le preoccupazioni secondo cui gli italiani minacciavano il carattere anglo-australiano della popolazione. Mentre il censimento australiano del 1921 riporta 8.135 italiani residenti nel paese, nel 1930 ne erano arrivati altri 30.000. Tra il 1922 e il 1930, l’84% degli immigrati italiani era costituito da uomini. Negli anni intercorsi tra il 1931 e il 1940, la percentuale dell’immigrazione femminile dall’Italia salì al 43% con molte mogli, fidanzate e sorelle che si ricongiungevano con le proprie famiglie. Le grandi abilità agricole di molti italiani, ne spinse due terzi a insediarsi nell’Australia rurale, a lavorare nell’agricoltura, e nei progetti minerari e ferroviari. I restanti lavorarono nell’industria edile, della ristorazione e tessile delle aree urbane, con oltre la metà a lavorare in proprio. Ciononostante, la comunità australiana mantenne la propria percezione dell’inferiorità culturale degli italiani, visti come cafoni che conducevano uno stile di vita primitivo. Le continue ostilità verso il gran numero di arrivi di italiani fomentò sia il movimento fascista in Australia, che la segregazione sociale degli italiani, incoraggiando a turno ulteriori pregiudizi. Di conseguenza, con lo scoppio della Seconda guerra mondiale, oltre 4.700 italiani furono internati in tutta l’Australia in quanto minaccia alla sicurezza nazionale, con il numero maggiore nel Queensland seguito da quello dell’Australia occidentale. 

Popolare o morire 

L’imminente invasione dell’Australia da parte del Giappone durante la Seconda guerra mondiale mise in evidenza la vulnerabilità della difesa australiana e registrò un grande passaggio dalla politica di restrizione all’immigrazione allo slogan “popolare o morire”. Il bisogno dell’Australia di una crescita demografica, e la carenza di immigrati preferibilmente dal nord Europa, incoraggiò la riapertura delle relazioni diplomatiche con l’Italia ed la considerazione verso gli immigrati italiani. Secondo Baldassar, “l’emigrazione post-bellica si è rivelata la parte rilevante e più significativa avuta dall’Australia nella storia di una più ampia emigrazione italiana”. L’Italia divenne la sola maggiore fonte di migranti non britannici verso l’Australia. In particolare, l’introduzione dell’accordo bilaterale sul Piano di Emigrazione Assistita del 1951 facilitò una quantità enorme di emigrazioni italiane in Australia. 

Tra il 1951 e il 1956, circa 42.000 italiani arrivarono con questo accordo, a condizione che accettassero qualsiasi lavoro e sistemazione fossero offerti loro per un periodo di due anni. Il Piano di Emigrazione Assistita, assieme all’emigrazione basata sui rapporti familiari, vide la popolazione di nativi italiani in Australia salire da 33.632 nel 1947 a 120.000 nel 1954. La popolazione crebbe ulteriormente fino a 228.000 entro il 1961, raggiungendo un picco di 289.476 nel 1971. A differenza dei periodi migratori precedenti, la maggior parte degli immigrati del dopo guerra proveniva dalle zone meridionali dell’Italia, incluse Sicilia, Calabria, Abruzzo e Campania. Come risultato di questa emigrazione di massa, gli immigrati italiani cominciarono ad esercitare una notevole influenza sulla cultura australiana. Un cambiamento nel governo negli anni ’70 vide uno cambio direzionale nelle politiche sull’immigrazione, abbracciando l’idea di un’Australia multiculturale e riconoscendo infine il contributo positivo degli italiani alla società australiana.  

Il boom di nuovi italiani 

Con quasi 1 milione di australiani di discendenza italiana, gli italiani continuano a rappresentare il gruppo di discendenza comune maggiore in Australia a parte quello dal Regno Unito, costituendo il 4.6% dell’intera popolazione australiana. Se la stragrande maggioranza degli australiani di origine italiana vive tra il Nuovo Galles del Sud e Victoria (68.8%), un numero significativo si trova anche nell’Australia del sud, nell’Australia occidentale e nel Queensland. Più di recente, la crisi economica europea e il declino dell’economia italiana stanno incoraggiando un nuovo afflusso di italiani in Australia. Dal 2012 e il 2013, più di 20.000 italiani sono arrivati in Australia, superando il numero di italiani arrivati nel 1950-1951 durante il boom del secondo dopo guerra. Tra il 2012-2013, circa 16.000 visti “vacanza-lavoro” sono stati rilasciati a cittadini italiani di età compresa tra i 18 e i 30 anni, il 66% in più rispetto all’anno precedente.

Antonio Caroli, dalla regione italiana della Puglia, si è trasferito in Australia con il suo visto “vacanza-lavoro” di 12 mesi nel 2011 e di nuovo nel 2014. “Molti giovani italiani sono convinti che non sia possibile costruire un futuro in Italia. Cresciamo con l’idea della raccomandazione, dei lavori pagati poco e dell’impossibilità per le giovani coppie di sposarsi e comprare casa” – spiega. “C’è questa convinzione che l’Australia sia il paese in cui puoi trovare un lavoro, diventare ricco e fare una bella vita”. Mentre una volta il governo australiano per sopravvivere è stato costretto ad aprire le proprie porte agli immigrati, la situazione si è ribaltata drasticamente. Essendo l’Australia adesso largamente vista come una terra di opportunità e stabilità economica, molti, sia dall’Italia che dal resto del mondo, sognano di emigrare in terra australiana. “È difficile trovare un datore di lavoro che ti sponsorizzi per farti rimanere in Australia ed ottenere la cittadinanza australiana è praticamente impossibile”,  spiega Caroli, che è dunque tornato in Italia. Ad ogni modo, per molti pionieri italiani che hanno resistito attraverso le prime difficoltà della vita australiana, la scommessa sembra essere stata vinta.

written by Maggie Abou-Rizk