Dina Pugliese – Behind the scenes

During the summer of 2006, BT was conducting a co-host search. Pugliese, who knew everyone on the show and offered to help out until they found a permanent host, wasn’t interested in the position. “I started out in morning TV and said I’d never do it again,” she recalls. “The hours were just too tough on me.” Co-host Kevin Frankish and his wife wrote Pugliese a heart-warming, handwritten letter that changed Pugliese’s mind. “I’m so grateful they did. I always say it’s the best decision I never made,” she admits.

As if getting up at the crack of dawn week days to co-host BT wasn’t enough, Pugliese has also kept very busy over the years with other work projects, personal commitments, volunteering and oh yeah, life too. But Pugliese had to learn the hard way how to scale back and say no to things she can’t pack on to her already gruelling schedule. 

“I found myself moving quickly from dream gig to dream gig. But I never knew when to pull back and tried to take on too much. One year, I hosted BT and Canada’s Got Talent simultaneously. Pulling off a prime time show that had me working 19-hour days at points and a morning show almost pushed me to the point of exhaustion. You’re no good to anyone if you’re burnt out.”

These days, besides co-hosting BT, you’re also likely to see Pugliese on a Garnier Nutrisse product or commercial. For the third year now, she is thrilled to be the brand’s Canadian spokesperson. Pugliese, whose hair colour was changed to medium ash blonde for this year’s commercial spot says, “I was always a late bloomer at everything in life and super cautious. Now, I’m the opposite. I embrace changes. Life is too short to not have fun with food, fashion, hair, you name it!” If you follow Pugliese on her social media pages, you’re also likely to see her actively engaging with her viewers and followers, offering them a glimpse of her life outside BT hours and in “Dina’s Closet,” style inspirations by Yorkdale (#yorkdalestyle). Each year, Yorkdale Shopping Mall holds “Dina’s Closet Wardrobe + Charity Sale” with all proceeds donated to the Nanny Angel Network, a charity offering childcare for mothers with cancer. 

Dina Pugliese, credit Robert Caruso

Outside of working hours, she is most happy surrounded by her big and close Italian family and enjoying la dolce vita with those she loves most. The middle child of three girls, all close in age, Pugliese is very close to her sisters Antoinette and Linda. She has four nephews, one niece and four godchildren. Her father was born in Gagliato, Calabria and her mom was born in Vinchiaturo, Molise. They both immigrated to Canada while they were in grade school. The family moved to Woodbridge when Pugliese was in grade six. She lived there until 2005 when she married Alek Mirkovich, entrepreneur and CEO of PathwayPort.com – a marketing automation software company for the insurance industry.

The happy couple, who are both obsessed with Italy, are headed to Sardinia this summer. “We love discovering the magic of this land that has more centenarians than almost any other place in the world,” says Pugliese. When asked what makes her truly Italian, Pugliese reveals, “I wear my heart on my sleeve and live passionately and fully.” 

Dietro le quinte

Per quelli che si svegliano assieme a lei da oltre un decennio, è difficile immaginare come sarebbero le mattine dei giorni feriali senza Dina Pugliese. “È estremamente appagante e il legame con i nostri spettatori è molto gratificante,” dice la copresentatrice di Breakfast Television (BT) di Toronto. Durante l’estate del 2006, BT era alla ricerca di un copresentatore. Pugliese, che conosceva tutti nel programma e si è offerta di dare una mano finché non avessero trovato un presentatore fisso, non era interessata alla posizione. “Ho cominciato con la TV del mattino e ho detto che non l’avrei fatto mai più,” ricorda. “L’orario era troppo pesante per me.” 

Il copresentatore Kevin Frankish e sua moglie hanno dunque rivolto a Pugliese una toccante lettera scritta a mano che le ha fatto cambiare idea.  “Sono grata di averlo fatto. Dico sempre che è stata la decisione migliore che abbia mai preso.” Come se alzarsi alle prime luci dell’alba nei giorni feriali per copresentare BT non fosse già abbastanza, nel corso degli anni Pugliese si è impegnata in altri progetti, impegni personali, volontariato e… ah sì! anche la sua vita. Ma Pugliese ha dovuto imparare a proprie spese come ridurre e rifiutare cose che non può inserire nella sua agenda già di per sé estenuante.   

“Mi sono ritrovata a passare velocemente da un incarico all’altro, da sogno a un altro. Ma non capivo mai quando tirarmi indietro e tendevo ad accettare troppo. Un anno, ho presentato contemporaneamente BT e Canada’s Got Talent. Condurre uno spettacolo in prima serata che a volte mi impegnava 19 ore al giorno e un programma mattutino mi ha quasi portato allo sfinimento. Non si è di alcun aiuto quando si è esausti.” Adesso, oltre a copresentare BT, è molto probabile vedere Pugliese su un prodotto o uno spot pubblicitario Garnier Nutrisse. Per il terzo anno, è entusiasta di fare da testimonial per il marchio canadese. Pugliese, il cui colore di capelli è stato cambiato in un biondo cenere medio nello spot di quest’anno, afferma: “In tutte le cose della mia vita arrivavo sempre un po’ tardi e con estrema cautela. Adesso, sono l’opposto. Accolgo bene i cambiamenti. La vita è troppo breve per non divertirsi con il cibo, la moda, i capelli, o quello che vuoi!” 

Se si seguono le pagine di Pugliese sui social media, è molto probabile vederla interagire attivamente con i suoi spettatori e follower, e offrire loro uno sguardo sulla sua vita personale al di là di BT e di “Dina’s Closet,” ispirazione di stile by Yorkdale (#yorkdalestyle). Ogni anno, al centro commerciale Yorkdale si tiene il “Dina’s Closet Wardrobe + Charity Sale” i cui ricavati vanno interamente al Nanny Angel Network, un’organizzazione benefica che si prende cura dei figli di donne malate di cancro.  

Dina Pugliese, credit Robert Caruso

Al di fuori delle ore di lavoro, è molto felice di circondarsi della sua famiglia italiana, grande e unita, e di godersi la vita con le persone che più ama. Secondogenita di tre figlie, tutte vicine d’età, Pugliese ha un legame molto stretto con le sorelle Antoinette e Linda. Ha quattro nipoti maschi, una nipote e quattro figliocci. Suo padre è nato a Gagliato, in Calabria, e sua madre a Vinchiaturo, in Molise. Sono entrambi immigrati in Canada in età scolare. La famiglia si è trasferita a Woodbridge quando Pugliese era in prima media. Ha vissuto lì fino al 2005, quando ha sposato Alek Mirkovich, imprenditore ed amministratore delegato di PathwayPort.com – una compagnia di software d’automazione commerciale per l’industria assicurativa. Questa bella coppia, fissata con l’Italia, quest’estate partirà per la Sardegna. “Ci piace scoprire la magia di questa terra, il cui numero di centenari supera quello di tutto il resto del mondo,” dice Pugliese. Quando le si chiede cosa la renda più di tutto italiana, Pugliese rivela: “Mostro i miei sentimenti e vivo la vita con passione e fino in fondo.” 

written by Panoram Italia